Crescono del 21% gli annunci per le parole chiave di brand, mentre calano le visite organiche a favore delle ricerche a pagamento: queste sono alcune delle evidenze emerse nel report.

Torna puntuale l’appuntamento con il Digital marketing Report Merkle, che fornisce una panoramica sull’andamento del settore: abbiamo già raccontato i risultati emersi nel report del secondo trimestre, da qualche giorno sono però disponibili anche quelli di fine anno, relativi al quarto trimestre. Vediamo allora quali sono le principali evidenze emerse, con un focus particolare sugli annunci di ricerca a pagamento.

Overview generale (Q4)

Mentre la crescita della spesa per gli annunci della rete di ricerca di Google è rimasta stabile al 16% Y/Y, negli ultimi trimestri alcuni dei fattori chiave della spesa di Google sono cambiati. Dopo un Q4 stellare nel 2018, gli annunci di Google Shopping hanno subito un rallentamento, mentre la crescita della spesa è aumentata per gli annunci di testo di Google. Pertanto, nel quarto trimestre del 2019, la crescita per i due formati è stata pressoché uguale.

Gli annunci di testo per le parole chiave di brand hanno registrato una crescita dei volumi particolarmente forte nella seconda metà del 2019, con clic in aumento del 21% Y/Y nel quarto trimestre. La percentuale media di clic (CTR) per gli annunci di brand è aumentata in modo significativo dalla fine del 2018, poiché gli inserzionisti hanno lavorato in collaborazione con Google per migliorare l’eccellenza creativa, espandere la copertura degli annunci e i Responsive Search Ads, un formato che permette di testare più combinazioni di titoli e descrizioni, che vengono poi ottimizzate in modo automatico tramite il Machine Learning di Google.

Sebbene i dispositivi mobili continuino a superare la crescita di altri dispositivi, negli ultimi anni gli annunci di ricerca Google per desktop hanno registrato miglioramenti. I clic sul desktop sono aumentati per la prima volta in oltre due anni nel quarto trimestre del 2019, mentre la spesa è aumentata del 12%.

YouTube registra un altro punto positivo per la spesa pubblicitaria complessiva di Google, poiché gli investimenti degli inserzionisti nella piattaforma sono aumentati del 43% Y/Y. Per i brand che pubblicano annunci di ricerca di YouTube e Google, YouTube ha rappresentato il 26% della spesa pubblicitaria rispetto agli annunci di ricerca di Google nel quarto trimestre.

Infine, le visite organiche diminuiscono ulteriormente nel quarto trimestre, poiché il traffico è diminuito su tutti i tipi di dispositivi, inclusi i telefoni. Pertanto negli ultimi trimestri gli inserzionisti hanno registrato un CTR più elevato per le parole chiave a pagamento, mentre alcuni hanno ottenuto esattamente il contrario dalle ricerche organiche.

Ricerche a pagamento: principali risultati emersi

  • La spesa pubblicitaria per la ricerca di Google è cresciuta del 16% Y/Y nel quarto trimestre del 2019, con un aumento dell’11% dei clic e un aumento dei CPC del 4%. Gli acquisti da cellulare sono aumentati del 33%, mentre la spesa da desktop è aumentata del 12%.
  • Gli inserzionisti hanno utilizzato il targeting per pubblico simile di Google per generare l’11% dei clic sugli annunci della rete di ricerca di Google nel quarto trimestre del 2019, con un aumento significativo rispetto al 5% dell’anno precedente.
  • Gli elenchi per il remarketing per gli annunci della rete di ricerca (RLSA) rappresentano poco più del 18% di tutti i clic di Google nel quarto trimestre, in netto calo rispetto al picco del 27% prima del rilascio di ITP 2.0 da parte di Apple.
  • I dispositivi iOS e Safari desktop hanno prodotto il 54% dei clic sugli annunci di ricerca di Google negli Stati Uniti nel quarto trimestre del 2019, rispetto al 51% di un trimestre prima.
Prova Adplify

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Amplifica la Performance,
Semplifica la Gestione

Scopri i prossimi rilasci della piattaforma che renderanno ancora più semplice la gestione di campagne Google Ads ad alto rendimento. Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato.