Siamo sempre in cerca di tool per ottimizzare le campagne, ma spesso dimentichiamo l’importanza di studiare i competitor. Questa è una funzionalità semplice e veloce per farlo.

Google mette a disposizione diversi tool nativi per aiutare gli inserzionisti a impostare le campagne e gestirle in mondo efficace, ma quali strumenti abbiamo per studiare la concorrenza? Confrontarci con le performance dei nostri competitor è, invece, fondamentale per massimizzare i risultati delle nostre campagne. Ecco perché oggi parliamo di una funzionalità di Google Ads, che in tanti conoscono, ma in pochi sfruttano davvero bene: il Rapporto Informazioni aste.

Rapporto informazioni aste (Auction Insights)

Il Rapporto Informazioni aste è uno dei pochi strumenti disponibili che, se consultato regolarmente e tenuto in considerazione per intervenire sulle campagne in corso, sul lungo termine può aiutare ad ottenere il massimo dei risultati dal budget investito.

Come funziona

Questo rapporto gratuito fornisce importanti insight sulle aste e consente agli inserzionisti di comparare le campagne attive con quelle dei competitor che hanno partecipato alle stesse aste.  Analizzando gli insight si vede dove si stanno ottenendo i risultati migliori e dove i peggiori, e possono emergere opportunità nuove o non ancora sfruttate.

Le 6 statistiche del Rapporto Informazioni aste

  1. Quota di impression: è la percentuale di impression che gli annunci ricevono rispetto al numero totale di impressioni che potrebbero ottenere. Si calcola dividendo il numero impression generate dall’annuncio per il numero stimato di impression idonee totali (questo ultimo fattore è calcolato sulla base di: impostazioni di targeting, Quality Score, stati di approvazione, etc.). Questa metrica consente anche di valutare se, aumentando offerta e budget, si possono ottenere più impression.

 

  1. Posizione media: un modo veloce per determinare il ranking dei tuoi annunci rispetto a quello degli altri inserzionisti.
  2. Percentuale di sovrapposizione: la frequenza in percentuale con la quale l’annuncio di un altro inserzionista viene pubblicato contestualmente al tuo.

Esempio: se un inserzionista competitor ha una percentuale di sovrapposizione del 60% significa che il suo annuncio viene visualizzato insieme al tuo 60 volte su 100.

  1. Percentuale di visualizzazione in una posizione superiore: frequenza con la quale l’annuncio di un altro inserzionista compare in una posizione migliore del tuo nei casi in cui entrambi gli annunci sono stati pubblicati contemporaneamente.

Esempio: se il valore è 5%, significa che l’annuncio dell’altro inserzionista ha conquistato una posizione migliore del tuo 5 volte su 100 in cui entrambi gli annunci sono stati pubblicati contemporaneamente.

  1. Percentuale di visualizzazione nella parte superiore della pagina: frequenza con la quale il tuo annuncio (o l’annuncio di un altro inserzionista) è stato pubblicato nella parte superiore della pagina, sopra ai risultati di ricerca organica.
  2. Quota di superamento target: questo valore percentuale è ottenuto attraverso questa formula: il numero di volte in cui il tuo annuncio ha ottenuto un ranking migliore dell’annuncio di un altro inserzionista, più il numero di volte in cui il tuo annuncio è stato pubblicato e quello dell’altro inserzionista no, diviso il numero totale di aste degli annunci a cui hai partecipato.

Come analizzare le statistiche

Vediamo ora come interpretare i dati del Rapporto Informazioni aste e come utilizzarli per ottimizzare l’andamento della campagna e individuare aree di miglioramento.

  • Se la maggior parte delle metriche fornite da Google Ads ci racconta l’andamento orrente delle campagne, la Quota di Impression indica il margine di miglioramento. Ecco perché una bassa percentuale di Quota di Impression non è, di per sé, un valore negativo, ma il segnale che la campagna ha ancora del potenziale e che esistono opportunità non sfruttate. Per migliorare la Quota di Impression si può aumentare l’offerta per CPC e sicuramente lavorare per migliorare il Quality Score.
  • La posizione media è una statistica importante per capire se la tua campagna è impostata correttamente o meno rispetto ai tuoi competitor.
  • Il tasso di sovrapposizione ti permette di individuare e visualizzare i tuoi principali competitor.
  • La percentuale di visualizzazione in posizione superiore consente di vedere immediatamente quali annunci di altri inserzionisti stanno andando meglio dei tuoi.

Nota

Il Rapporto fornisce informazioni su altri inserzionisti che hanno partecipato alle aste insieme a te. Le metriche relative agli altri inserzionisti presentate nel Rapporto si riferiscono solo ai casi in cui anche i tuoi annunci erano idonei alla pubblicazione. Il Rapporto non mostra le parole chiave, il Quality Score, le offerte o le impostazioni effettive delle tue campagne, né fornisce queste informazioni sui tuoi competitor.

Il Rapporto Informazioni aste riguarda solo le campagne della rete Search e le campagne Shopping. Per queste ultime vengono riportate solo 3 metriche: Quota Impression, tasso di sovrapposizione e quota di superamento target.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Amplifica la Performance,
Semplifica la Gestione

Scopri i prossimi rilasci della piattaforma che renderanno ancora più semplice la gestione di campagne Google Ads ad alto rendimento. Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato.